SaluteNutrizione fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione, e quindi raccolgono informazioni sull'uso del sito da parte dei visitatori. Qualunque informazione fornita su questo sito, in particolare, le informazioni nutrizionali NON COSTITUISCONO un consulto medico.

Nella situazione di normalità il derma ed i tessuti che lo sostengono (pannicolo adiposo e strato muscolare) sono in uno stato di equilibrio fisiologico, metabolico e circolatorio. Il pannicolo adiposo si distribuisce in modo differente nei due sessi: nella donna, infatti, è più accentuato nel distretto inferiore del corpo, zona particolarmente sensibile all’azione degli ormoni femminili; i soggetti di sesso maschile, invece, presentano un adipe localizzato soprattutto in sede addominale e viscerale.

Il tessuto adiposo è attivo nella protezione termica degli strati muscolari sottostanti, svolge la funzione di riserva energetica dell’organismo e, a tale scopo, deve essere ben irrorato dai vasi sanguigni e linfatici. In presenza di fattori che alterano la funzionalità del sistema circolatorio, si determinano un rallentamento del circolo sanguigno e una stasi dei liquidi organici; con il tempo si crea una situazione definita “edema sub-clinico”, che è la premessa per l’insorgenza della cellulite.

Nella cura per ridurre e prevenire la cellulite è importante considerare un insieme di azioni, che comprendono innanzitutto il cambiamento di alcune abitudini di vita e la correzione dei fattori predisponenti non genetici. Per ottenere risultati correttivi permanenti vanno messe in atto più soluzioni, diverse e sinergiche e in primo luogo deve essere presa in considerazione un’adeguata alimentazione: una dieta scorretta, con l’introduzione eccessiva di calorie, di cibi ricchi di grassi e di sale favorisce l’accumulo di adipe localizzato e la ritenzione dei liquidi.

 

Torna alla categoria principale

La cellulite