SaluteNutrizione fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione, e quindi raccolgono informazioni sull'uso del sito da parte dei visitatori. Qualunque informazione fornita su questo sito, in particolare, le informazioni nutrizionali NON COSTITUISCONO un consulto medico.

Tagliato a fettine in un’insalata mista o tritato e grattugiato per ricette più o meno esotiche, il cetriolo è il contorno ideale per un pasto estivo rinfrescante e leggero. 
Il suo sapore fresco e l’alta concentrazione di acqua e sali minerali ci aiutano a combattere quel senso di spossatezza che avverte il nostro corpo nelle ore più calde della giornata. 
 
 
Alleato contro il caldo estivo
 
Con le alte temperature, infatti, la sudorazione aumenta, con conseguente perdita di sali minerali e insorgenza di crampi muscolari, la pressione arteriosa si abbassa e il cuore accelera ritmo e frequenza, ci sentiamo quindi più stanchi e spossati.
Un’alimentazione ricca di frutta e verdura può aiutarci a combattere questo senso di stanchezza, e in particolare i cetrioli contrastano:
 
- la disidratazione, grazie al loro alto contenuto d’acqua; 
- la stanchezza cronica, grazie al loro contenuto di silicio;
- il gonfiore dovuto alla ritenzione idrica, perché i reni vengono aiutati ad eliminare liquidi e tossine. La diretta conseguenza di ciò è che il cetriolo è anche un valido alleato contro la cellulite.
 
Altri organi che beneficiano di questo prezioso alimento sono il fegato e il pancreas. 
I cetrioli contengono molte vitamine (la provitamina A, alcune vitamine del gruppo B e la vitamina C), e sali minerali (potassio, calcio, manganese, iodio e ferro). Particolare importanza è da attribuire alla vitamina C, che, grazie al suo forte potere antiossidante, aiuta a contrastare i processi degenerativi dovuti all'invecchiamento.
 
Dieta
 
Se volete seguire un regime ipocalorico un’insalata di cetrioli è un ottimo alleato: il basso apporto calorico, l'elevata quantità di acqua e la buona presenza di fibre permettono di aumentare e prolungare nel tempo il senso di sazietà. 
Il cetriolo può essere utilizzato anche come fresco, sfizioso e innocuo "rompifame", nel caso in cui ci venga voglia di mangiare fuori pasto. Il consiglio è quindi di averne sempre una buona scorta in frigorifero, insieme ad altri ortaggi quali finocchi, carote e sedano.
 
Con la buccia o senza?
 
Decidere se sbucciare o no il cetriolo non è solo una questione di gusto. La buccia del cetriolo, infatti, è ricca di vitamina K che ha un forte potere anticoagulante, inibisce cioè la coagulazione del sangue contrastando la possibile insorgenza di trombi o emboli. Nel caso in cui si stia assumendo una terapia anticoagulante, è, quindi, consigliabile assumere i cetrioli dopo averli sbucciati, per evitare dannose interferenze con il farmaco.